Wall Street in calo dopo cavalcata sui record, Twitter crolla con stop a Trump

In flessione anche gli indici del Vecchio Continente che guardano alle evoluzioni della situazione politica in Usa e alle notizie sul piano vaccinale in Europa.

Dopo la cavalcata sui record Wall Street viaggia in rosso e le Borse europee proseguono sulla via dei ribassi di circa un punto percentuale. Sono in generale pochi i fattori catalizzanti e in grado di orientare con decisione i mercati che erano salite sui massimi nelle ultime sedute.
Da una parte si registrano prese di beneficio dove possibile, dall’altra gli investitori tengono d’occhio le evoluzioni della politica americana e le notizie sul piano vaccinale in Europa, che procede, ma non viaggia ancora a pieno ritmo. Inoltre, i dati sui contagi sono preoccupanti e la cancelliera tedesca Angela Merkel ha detto che il peggio deve ancora venire. Oltreoceano, inoltre, ci sono anche alcuni timori su un possibile inizio del tapering Fed nel 2021.
A Piazza Affari, dove il FTSE MIB non si è mai portato sopra la parità, l’attenzione è anche sulle nuove misure in arrivo per contenere la pandemia e per le discussioni sull’approvazione del Recovery Plan, con l’obiettivo di scongiurare una crisi di Governo.
Inoltre, l’attenzione continua a essere rivolta a Washington: il presidente eletto Joe Biden ha annunciato che potrebbe varare un nuovo piano di stimolo all’economia e i democratici hanno avvertito di essere pronti a lanciare nei prossimi giorni un impeachment contro il presidente uscente Donald Trump, se il vicepresidente Mike Pence non decide a rimuoverlo dal suo incarico invocando il 25mo emendamento.

Giù Wall Street, Twitter crolla dopo stop a Trump
Seduta in calo Wall Street, dopo la seduta record di venerdì scorso. A pesare, sull’inizio della settimana, sono le incertezze sul piano politico ed economico, che si aggiungono ai persistenti timori sulla diffusione del coronavirus. A Washington, i democratici hanno intenzione di mettere in stato d’accusa il presidente statunitense Donald Trump per l’assalto al Congresso del 5 gennaio, se il vicepresidente Mike Pence e i ministri non decideranno di rimuoverlo dal suo incarico invocando il 25esimo emendamento. Sul fronte economico, i dati hanno mostrato che il mercato del lavoro si è fermato a dicembre, dopo sette mesi di crescita, facendo aumentare i timori per l’outlook nel breve periodo. Il mese scorso, sono stati persi 140.000 posti di lavoro, per un totale di oltre 9,3 milioni nel 2020, a causa della pandemia di coronavirus. Il presidente eletto, Joe Biden, ha intanto promesso un nuovo piano di aiuti anticrisi e investimenti per stimolare la crescita. Resta comunque alta la preoccupazione per il Covid-19, con il numero dei morti che per la prima volta è stato superiore a 4.000 in un giorno, giovedì scorso, e la task force della Casa Bianca che ha avvertito di una possibile “variante americana” del coronavirus. Tra i titoli da seguire c’è Twitter, che perde l’11,23% dopo le critiche per la sospensione in modo permanente dell’account personale del presidente statunitense Donald Trump.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *